Cicap Stop Blocchiamo la Disinformazione Assassina di Stato

Cicap Stop Blocchiamo la Disinformazione Assassina di Stato
Pagina Facebook,pigia sull'immagine e iscriviti per ricevere ulteriori informazioni e notizie.

venerdì 18 settembre 2015

Piero Angela: OMEOPATIA e CICAP

 La descrizione del meccanismo che nel secolo scorso permise ai grossi capitali finanziari dei Rothschild, di impadronirsi
dell’intero sistema medico americano
  e non solo, attraverso il controllo dell’insegnamento universitario,
Rockefeller (legati ai Rothschild), amavano chiamarla filantropia efficiente”, e' qui in questa pagina,  ben descritto
QUESTI I VERI PADRONI del MONDO

Catania: Accusato di diffamazione per una puntata di SUPERQUARK - Rinvio a giudizio per Piero Angela
CATANIA – I medici omeopati non sono stregoni e l’Omeopatia è una cura seria. E soprattutto, se le terapie omeopatiche riescono a guarire chi vi fa ricorso, non è per l’effetto placebo (cioè per la suggestione provocata nel paziente da sostanze prive di principi attivi), ma grazie alla corretta diagnosi e alla terapia dell’omeopata.
Non solo; definire i rimedi omeopatici “acqua fresca” o sostenere che possano gravi reazioni allergiche e altri danni, significa diffamare gli omeopati e il loro statuto scientifico. Questo in sintesi, il contenuto del provvedimento con cui il GIP di Catania, Carmela La Rosa, ha rinviato a giudizio Piero Angela, volto noto della TV e conduttore di Superquark.
E’ stata proprio una puntata di Superquark dedicata all’omeopatia, trasmessa l’11 luglio dell’anno scorso, a costare a Piero Angela il rinvio a giudizio per “diffamazione aggravata” (il dibattimento il 22 aprile 2002).
Contro Piero Angela, sono state avviate due azioni giudiziarie: una querela, presentata dalla Società di medicina Omeopatica di Catania, e una citazione per danni, avanzata dalla Federazione delle associazioni mediche Omeopatiche di Roma. 
L’accusa rivolta al giornalista della Rai è di aver allestito un programma a senso unico, in cui è stata data voce soltanto agli avversari dell’omeopatia, che peraltro, dice il GIP, erano “persone non specificatamente qualificate in materia”. Per giunta violando la “par condicio” che il servizio pubblico radiotelevisivo dovrebbe sempre garantire, anche in considerazione dei 9 milioni di persone che in Italia ricorrono alle cure non convenzionali.
Il Superquark incriminato scatenò polemiche già il giorno successivo alla sua messa in onda, al punto che l’allora sottosegretario alla Sanità, Fumagalli Carulli, scrive al presidente della Rai Roberto Zaccaria, sollecitando interventi “riparatori” di segno contrario. 
Ma la Rai non fa nulla. E’ invece Piero Angela a far sentire la sua voce “dalla mia parte – dice- sono anche Dulbecco e Levi Montalcini. E poi la scienza non è come la filosofia, non si possono far sentire entrambe le campane e poi far decidere per conto proprio ai telespettatori.
Replica Leda Adamo, avvocato dei querelanti: Queste parole dimostrano il pregiudizio di Angela, e quindi la sua intenzione di denigrare l’omeopatia. Ne’ vale citare l’opinione di personaggi noti in campo scientifico, che come quelle dei partecipanti a Superquark, sono, appunto opinioni di parte”. 
E’ la tesi accolta dal GIP, basata sulla “impossibilità di verificare la fondatezza scientifica dell’omeopatia con gli strumenti dell’allopatia”. Sarebbe come voler leggere un testo scritto in una certa lingua servendosi dell’alfabeto di un’altra lingua. Lo spiega proprio un’allopata, Paolo Bellavite, docente di Patologia generale all’università di Verona.
Commentando l’esperimento di Angela (il quale, diluendo l’antibiotico concludeva che i rimedi omeopatici sono acqua fresca), Bellavite parla di “grossolana ignoranza”, perché nessun omeopata si sognerebbe di curare un’infezione con un antibiotico, perché l’omeopatia si propone di stimolare le difese dell’organismo”.
Ma non è finita. Il Cicap (comitato per il controllo sulle affermazioni del paranormale) difende Piero Angela e in questi giorni, in un convegno a Reggio Emilia, lo ha invitato a parlare affiancandogli il mago Silvan. 
Francamente accostare l’omeopatia al paranormale è un pò troppo. Anche per chi ne contesta la scientificità.
C’è odore di nuove polemiche e querele.
By Carlo Vulpio  - Tratto da: Corriere della Sera - 09//11/2001
Dedicata a Piero Angela.....
http://www.vitaminic.it/cgi-php/get_file.php3?modo=4&bid=77238

Il primo grado del processo e' stato favorevole a Piero Angela.

19/12/2001-  La RISPOSTA del DOTT. PITERÀ a PIERO ANGELA

LE FALSITA' di QUARK
Dott. Fernando Piterà - Medico - Chirurgo, Dottore in Scienze Biologiche h.c. (Genova)  - Docente in Omeopatia, Fitoterapia e Bioterapie - presso l'Università degli Studi di Milano.

"Se non mettiamo la Libertà di Cure mediche nella costituzione,  verrà un tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e  senza farsene accorgere, in una dittatura. E il tentativo di limitare  l'arte della medicina solo ad una classe di persone rappresenterà  la Battaglia della scienza medica".
(Benjamin Rush, firmatario  della Dichiarazione  d'Indipendenza USA).

"La sentenza di Claude Bernard che nella scienza la fede sia un errore e lo scetticismo un progresso porta sovente alla dislogia di negare tutto quello che non si riesca a dimostrare" (Prof. Gaetano Boschi).

Numerosi colleghi, pazienti e lettori, profondamente indignati, mi hanno più volte chiesto di scrivere in merito a quanto successo nel recente passato a  riguardo delle vergognose affermazioni di Piero Angela nella sua trasmissione dell'I1 luglio 2000 (ore 20,45). Poiché diverse associazioni di  medici omeopatici, di consumatori, ecc. avevano già adeguatamente risposto alle gravissime affermazioni del conduttore televisivo, e, considerato il  fatto che non voglio rivestire a tutti i costi il ruolo di polemista, ho pensato che tutto ciò, unitamente alle numerose proteste già in atto, poteva aver in parte esaurito l'argomento.
Più recentemente, però, un altro gravissimo episodio di sottocultura, degno solo di una "Repubblica delle banane" ha ulteriormente esasperato gli animi di tutti coloro che da decenni cercano un pacifico e leale confronto scientifico e metodologico. Gran parte della stampa nazionale, travisando completamente (e ritengo deliberatamente)  un comunicato della Conferenza Episcopale Italiana, ha ulteriormente  dimostrato la faziosità di una informazione giornalistica sempre più  distorta e manipolata. A questo punto, quando ti ci tirano dentro per i capelli non si può proprio tacere !
Da qualche tempo è in atto, nel nostro Paese, una scellerata regia, pilotata ad arte da professionisti dell'intolleranza, i quali, in questo sport di tiro al bersaglio, praticato ormai da una schiera sempre più numerosa di agonisti, si mira ad influenzare negativamente la popolazione affinché non ricorra alle cure omeopatiche.
In questo clima fortemente ostile e denigratorio, chi ci rimette è il rilievo obiettivo dei fatti, determinandosi un voluto disorientamento, ad arginare il quale, invano si attende da oltre ottant'anni un adeguato intervento del Ministero della Sanità. Non passa giorno che su stampa, quotidiani, riviste, reti televisive, non compaia qualche comunicato ostile o venga pubblicato qualche articolo o libercolo studiato e redatto ad arte per denigrare e beffeggiare l'Omeopatia senza nemmeno sapere cosa essa sia.
Per contro, telegiornali e reti televisive, nelle massime ore di ascolto, si fanno paladini di nuove "scoperte" farmacologiche, annunciando e decantando (con molto anticipo) che per questa o quella malattia, è in arrivo una nuova pillola della giovinezza, una strabiliante compressa per dimagrire, una nuova molecola per essere sempre all'"altezza" della situazione, qualcosa che farà crescere i capelli a tutti i calvi. Ciò determina nella popolazione aspettative tali che abbiamo assistito a veri e propri esodi in altri paesi vicini per procurarsi tali strabilianti pillole che il più delle volte si sono rivelate dei "bidoni" per il consumatore, ma che hanno avuto almeno il merito di fare salire in borsa le quotazioni di quella o quell'altra casa farmaceutica. Se invece un tizio, abusando di efedrina a scopi dopanti si è intossicato per l'abuso scellerato di tale sostanza, la notizia che viene data negli stessi telegiornali è all'incirca questa: "non curatevi con le piante medicinali perché possono fare molto male, anzi possono far morire !".
Ovviamente non si dice che l'efedrina e i suoi derivati (fenilpropanolamina,  fenilefrina e pseudoefedrina) sono sostanze simpaticomimetiche usate soprattutto in medicina convenzionale per la preparazione di numerose specialità medicinali di largo consumo e largamente disponibili senza prescrizione medica, nei decongestionanti nasali e nelle preparazioni per il raffreddore. Tempo fa, in una pagina di televideo era comparso un avviso raccapricciante che più o meno recitava così: "Per problemi di salute non rivolgetevi a cartomanti o a medici omeopati" (Sic!).
La stupidità e il delirio di onnipotenza di qualche noto o ignoto personaggio, in questo Paese, sembra essere presa ancora in seria considerazione e per di più pagata con pubblico danaro.
Gli attacchi all'Omeopatia non sono pertanto nuovi, ma nella scorsa estate abbiamo assistito, allibiti, al più infamante e diffamatorio spettacolo televisivo contro l'Omeopatia, senza neppure interpellare una controparte per ribattere al cumulo di scempiaggini e falsità propinate agli increduli spettatori i quali, tra l'altro, pagano il canone per essere informati e non per essere raggirati.
Tutto questo alla faccia della parcondicio, delle pari opportunità e del garante dell'informazione !
Le fasulle affermazioni contenute in quella trasmissione che "invitavano" spettatori e consumatori a non utilizzare terapie omeopatiche, senza consentire un minimo di contraddittorio da parte di chi non la pensa come loro, più che aver offeso o denigrato coloro ai quali erano rivolte, hanno squalificato fortemente chi le ha fatte, come infatti è avvenuto. Un vero e proprio autogol !
Ringraziamo quindi Piero Angela di tanta solerzia e attenzione verso l'Omeopatia, ma vorremmo invitarlo a documentarsi meglio (visto che almeno quello di documentarsi e fare documentari dovrebbe essere il suo mestiere) prima di parlare a sproposito. Ma la cosa più triste è che queste cose trovano ancora spazio, e si possono dire solo in Italia, e non certo perché siamo un paese democratico dove esiste ancora la libertà di parola, ma perché non si ha più nemmeno il pudore di contenere la menzogna entro i limiti della decenza.
Inviterei pertanto il conduttore di Quark a fare lo stesso show televisivo che ha fatto qui da noi in Germania, in Inghilterra o in Francia, dove ad esempio vi sono 18.000 medici tra generici e specialisti che prescrivono Omeopatia, dove la stessa materia è insegnata in 10 Università di stato, dove l'Omeopatia è rimborsata dal sistema sanitario nazionale, dove la farmacopea omeopatica è una realtà dal 1965, così come in altri Paesi della Comunità Europea. Riguardo il contenuto di quella trasmissione, i fatti si commentano da sé.
Non voglio pertanto perdere altro tempo a rispondere nel dettaglio a chi non è né medico né laureato, ma si arroga il diritto di giudicare l'operato di decine di migliaia di medici che in Europa esercitano la più grande e nobile professione dell'Arte Medica. Qualcosa invece bisognerebbe dire a coloro che, essendo colleghi, si prestano, convinti di essere sempre dalla parte della "verità", al turpe gioco della disinformazione, diventando nel contempo strumenti più o meno"consapevoli" della stessa scellerata regia, sponsorizzata ad arte da chi deve difendere
antiche e consolidate posizioni dogmatiche, e non certo nel nome della salute pubblica. Vorrei chiedere a questi signori colleghi solo una cosa: "come mai se l'Omeopatia è acqua fresca, nel foglio delle indicazioni e controindicazioni di alcuni farmaci convenzionali, utilizzati per il trattamento dell'AIDS, c'è scritto a chiare lettere di non utilizzare, durante quel trattamento, anche i farmaci omeopatici ?" - "Come farebbe l'acqua fresca ad interferire con la farmacocinetica di quel farmaco, se si tratta solo di acqua ?
Spero proprio che questi lungimiranti e illuminati colleghi non abbiano vietato ai loro pazienti di bere della semplice acqua !". Anche qui le cose si commentano da sé e pertanto non voglio dilungarmi in logore e sterili diatribe che durano ormai da 200 anni, dove le parti contendenti, sempre nuove, ma altrettanto antiche, si avvicendano e si lasciano di volta in volta coinvolgere in polemiche che divertono l'uditorio senza conquistarne il consenso, senza sapere che le loro dispute sono già state scritte e riscritte, con le stesse frasi, le stesse parole, con le stesse logore motivazioni. Perché questi solerti signori non fanno una trasmissione nelle ore di massimo ascolto per elencare i danni da farmaci, per contare quanti soggetti finiscono al pronto soccorso per ulcere gastriche perforate da uso di antinfiammatori ? Quanti shock anafilattici o allergie a farmaci, quanta patologia iatrogena e danni da farmaci sono riportati in letteratura medica ? Perché non occuparsi anche di una corretta  informazione a vera tutela del cittadino consumatore il quale in questi casi, oltre che essere un consumatore, è anche un "paziente" e quindi un individuo e consumatore-sofferente. Perché non parlare dei danni da mercurio presente in numerosi vaccini (già ritirati dal commercio in altri paesi) e  che in Italia continuano ad essere caldeggiati e consigliati per vaccinazioni di massa? Sono stati persino ritirati dal commercio i termometri al mercurio, ma lo stesso metallo viene iniettato in circolo come eccipiente o conservante in nome della profilassi e della salute (Sic!).
 Perché non fare una trasmissione che riporti in dettaglio l'elenco di tutti quei farmaci che sono stati ritirati dal commercio negli ultimi anni perché dimostratisi nocivi alla salute, dopo essere stati per anni in commercio ed assunti dalla popolazione ?
Quali danni manifesti o latenti hanno provocato o provocheranno nell'organismo di chi li ha assunti ?
Perché non dire ai cittadini che di recente un noto farmaco di largo consumo, prescritto anche a bambini è stato ritirato dal commercio perché ha provocato la morte per infarto di diversi individui (tra cui anche neonati) pur essendo un farmaco "collaudato" secondo i canoni della "scienza ufficiale"?
Oppure potremmo citare un cospicuo elenco di farmaci che già da anni sono stati ritirati dal commercio in altri Paesi, mentre da noi vanno ancora per la maggiore !
I suggerimenti potrebbero essere veramente tanti e sono certo che, così  facendo, Piero Angela avrebbe forse più audiens di ascolto. Ma questi ovviamente sono argomenti che lui non si sogna nemmeno di toccare.
Solo la  trasmissione "Report" per taluni aspetti, ha avuto il coraggio di farlo !
Non mi sembra quindi che la posizione di Piero Angela sia proprio neutrale, visto che sembra così preoccupato per la salute pubblica ! Ma oggi nessuno vuole più fare il suo mestiere.
Quanti pazienti avrà mai curato Piero Angela ? Quante ore ha trascorso nella sua vita ad ascoltare, a visitare e prescrivere cure a pazienti ? Nemmeno mezza, voglio sperare !
E allora che ne sa di come gestire un ammalato, del rapporto tra medico e paziente ? Cosa ne sa dei limiti e dei campi di applicazione di metodologie terapeutiche diverse ? L'Omeopatia non ha più bisogno di sfide o confronti; da più di due secoli essa si confronta incessantemente sul terreno umano e con la soffèrenza del malato, in una rigorosa e scientifica logica di prevenzione, di cura e tutela della salute dell'essere umano, di salvaguardia e di rispetto della dignità umana. L'Omeopatia non ha bisogno di dimostrare che "chimicamente" esiste, perché è un procedimento di ordine fisico, anche se ancora qualche pitecantropo con l'hobby della collezione di certezze, con mezzi chimici antiquati o mediante chimici mediocri si ostina a voler trovare tracce di sostanze che nel farmaco omeopatico non ci sono più, per giustificare la presunta inefficacia o per screditare la tanto paventata efficacia dell'Omeopatia. Lo sanno ormai tutti tranne loro !
L'intolleranza, il pregiudizio e le critiche di quei colleghi che hanno fatto gli stessi nostri studi, ma che nulla sanno di Omeopatia, che nulla hanno letto o  provato al riguardo, che nulla hanno visto e che continuano a non voler vedere e pretendono di emettere opinioni scontate come il loro sapere, non può che farci riflettere ulteriormente sul loro grado di cecità e imparzialità. In perfetto accordo con il grande Pierre Schmidt: "Non possiamo che essere rattristati e sgomenti dalla cieca parzialità di individui ai quali gli studi ed il sapere non hanno fornito nessun vero senso critico e la pratica nessuna tolleranza".
Tratto da Anthropos & Iatria - Gennaio-Marzo 2001
Il primo processo si e' concluso con una sentenza che dichiara in sostanza, che i rimedi omeopatici sono "acqua fresca".....ora si attende il processo di appello ! Il processo di appello e' stato vinto da Piero Angela. 

Ma come la metteranno questi  "giudici" (disinformati od in malafede), quando verranno a sapere che vi sono nuove e probanti prove della Memoria dell'Acqua + Memoria del sangue ....ma chi ci dice che i giudici si informeranno e piuttosto non seguiranno l'onda....dei loro "padroni"...
 intanto l'indottrinamento e la disinformazione continua.....

Visionare questa pagina prima di interrompere la lettura di questo TESTO:
Le bugie di Piero Angela: 
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3292 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

Piero Angela colto in fallo nel suo "metodo della negazione continua del paranormale" !

Ecco come il CICAP si sputtana.
Leggete bene tutto in: http://digilander.libero.it/helio.polis/crookes_angela.html
Ritengo utile evidenziare anche qui la conclusione del ricercatore (pare sia un astronomo) che dice:
"Voglia il Lettore intelligente dispensarmi dai lunghi commenti. Dall’esame delle dichiarazioni si evince che il dottor Piero Angela non solo esce sconfitto dalla disputa contro sir William Crookes ma anche fortemente sospetto di aver falsificato le notizie a mezzo stampa per fini personali."

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Il CICAP, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, è nato col nobile intento di monitorare il fenomeno paranormale in Italia, intento che si è rivelato degno di stima solamente contro ridicoli maghi, fattuchieri e prestigiatori di scarsa fama.

Quando invece il comitato si è dovuto imbattere in ben altre questioni importanti, quali uccisione JFK, RFK, 11 Settembre, UFO, Viaggi Lunari, Circle Crops, Rabdomanzia.. Piero Angela e la sua banda di professori hanno sempre utilizzato ridicole tecniche didebunking, fuori da ogni contesto scientifico, rappresentando loro stessi e l'ente che rappresentano come un infido e pregiudiziale difensore delle teorie ufficiali.
Con questo, e sottolineo con questo, non intendo affermare che le suddette questioni paranormali e complottistiche siano già state descritte nella loro completezza dalle versioni della controinformazione..
UFO = alieni;
Circle Crops = alieni;
11settembre = AutoAttentato;
.. tutt'altro, io, come voi, come altri possiamo solamente apprezzare lo sforzo di taluni, i quali senza pregiudizio coltivano il dubbio attraverso il metodo scientifico e smascherano giornalisti e falsi uomini di scienza che utilizzano televisioni e giornali non per mettere in campo il metodo scientifico, ma per difendere sistematicamente la posizione ufficiale.
In scienza non esistono posizione ufficiali, nè senatori o grandi professori, esiste solamente la ragione e il metodo scientifico di analisi, tutto il resto è manipolazione della verità.

Primo Video:

http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Flash&d_op=getit&id=11938
Secondo Video:
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3332
Un ringraziamento al lavoro del giornalista Massimo Mazzucco autore dei video
Nota:
Debunking: è l'atto di smascherare teorie ritenute false
http://www.iragazzidellozoodisagnino.net/forum/index.php?topic=26.0

Il ruolo di Piero Angela

PIERO ANGELA :"Nel 1989 è stato tra i fondatori del CICAP (del quale è socio effettivo), associazione per il controllo sul paranormale, nata per promuovere l'educazione scientifica (NdRquella dei prePotenti) e lo spirito critico, nonché per indagare sull'effettiva esistenza dei presunti fenomeni paranormali." - Fonte: WIKIPEDIA

Vedere questo video:

Superquark e le 10 strategie per ingannare il pubblico

Oppure
Piero Angela disinforma sull'energia eolica
http://www.byoblu.com/post/2010/05/13/PIero-Angela-disinforma-sullenergia-eolica-(ma-fa-girare-le-pale).aspx Video


DISINFORMAZIONE
La disinformazione è una subdola opera attuata dai "poteri forti" al fine di allontanare la gente comune dalla verità e dalla conoscenza.
La disinformazione è quella applicata dal 95% dei media..in quanto essi ci portano a conoscenza solo delle notizie che fanno comodo alla "elite di potere" che controlla il mondo da dietro le quinte.
La disinformazione serve ad omologare tutti noi esseri umani in una certa maniera affinché non siamo più liberi di pensare, di informarci, di riflettere e di capire il reale andamento del mondo.
E la disinformazione è quella che fa passare per verità anche notizie palesemente false..mentre fa passare come "disinformazione" ciò che invece corrisponde al vero..come in una spirale che gira al contrario.
Tratto da: controcorrente83.blogspot.com  Preso da http://www.mednat.org/p_angela_omeopatia.htm

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.