Cicap Stop Blocchiamo la Disinformazione Assassina di Stato

Cicap Stop Blocchiamo la Disinformazione Assassina di Stato
Pagina Facebook,pigia sull'immagine e iscriviti per ricevere ulteriori informazioni e notizie.

venerdì 25 settembre 2015

ECCO PERCHÉ NON MI FIDO DEL CICAP

kinaido
00venerdì 13 marzo 2015 15:44
Non mi ero mai andato a leggere lo Statuto del CICAP, ma ho spesso letto le sue inchieste, i suoi articoli, le sue pubblicazioni, conosco l'operato di alcuni dei suoi membri, e so in generale di cosa si occupa e di come lo fa. 

Ho sempre avuto un pregiudizio nei confronti del CICAP, sia per le dichiarazioni quasi sempre faziose dei suoi componenti, e sia per una valutazione personale che nasce dalla seguente considerazione: e cioè, un'associazione creata apposta con lo scopo di controllare il paranormale, in realtá non può far altro che TENERNE A BADA LA DIFFUSIONE. E' scontato che sia cosí. Controllare le affermazioni sul paranormale non è una dicitura casuale, soprattutto se inserita in un atto pubblico, dove ogni parola ha il suo preciso significato. 

Significa infatti quello che ho appena detto (e che ribadisco): TENERNE A BADA LA DIFFUSIONE, evitare quindi che si formi un'opinione pubblica abbastanza consolidata che tenda ad accettare il paranormale come una cultura e una fenomenologia che possono normalmente convivere con essa, e in essa. ------------------------------ 


Peró devo dire che nonostante i miei pregiudizi (cmq fondati) non avevo ancora scoperto nulla di cosí concreto come quando poi ho deciso di andarmi a leggere il suo Statuto. Mi si è aperto un mondo. 

Leggendo il suo Statuto infatti si capisce perché il CICAP non è mai stato, non lo é adesso, e non potrá mai esserlo in futuro, un'associazione dalla quale potersi aspettare dichiarazioni oneste, imparziali, e dunque affidabili. Mi rivolgo soprattutto a un ufologo in particolare che in questi giorni pretendeva su facebook che il cicap o francesco grassi (suo membro) esprimessero il loro parere (peraltro giá dato) sul caso di Caronia. Come se fosse possibile parlare con loro in modo onesto e sincero. 


Quindi chiariamolo una volta per tutte, dal CICAP non ci si potrá mai e poi mai aspettare una dichiarazione possibilista sull'esistenza del paranormale, perché il suo Statuto prevede che: 

l’associazione si propone di realizzare interventi specifici intesi a : -costituire, attraverso un’intensa opera di informazione e di consultazione, un solido punto di riferimento per quanti potrebbero trovarsi, in ragione delle proprie condizioni psichiche, economiche, sociali e culturali, vittime di abusi legati al mondo dell’occulto, del paranormale edelle pseudoscienze (ART.3) 

Ció vuol dire letteralmente che il cicap rappresenta un punto di riferimento per chi viene raggirato e/o truffato dal paranormale, l'occulto e le pseudoscienze. Ancora meglio, questo significa che si dá per scontato che l'occulto, il paranormale, e le pseudoscienze, siano soltanto una truffa per le persone, specie le più deboli. Una truffa che può nascere dalle intenzioni dolose di chi la promuove, o dalla propensione a credervi di chi la subisce. Quindi si desume che per il CICAP, in entrambi i casi, o è in malafede chi parla di paranormale (si parla di abusi, quindi qualcosa di volontario), o è stupido chi lo sta a sentire. In entrambi i casi queste persone possono (secondo il cicap) leggere quello che il comitato dice per ricredersi ed uscire da questo brutto "tunnel". 


Proseguendo nello stesso articolo si legge: - promuovere ed incoraggiare la ricerca scientifica, l’indagine critica sulle pseudoscienze e sui fenomeni paranormali [...]


e subito dopo viene confermata la stessa cosa, con la seguente affermazione: 

-stimolare un’analisi critica nei confronti delle pseudoscienze e dei presunti fenomeni paranormali da parte di giornalisti, scrittori ed editori, scienziati, insegnanti, e quanti sono interessati ad un esame critico delle pseudoscienze e del presunto paranormale 

Io penso che più chiari di cosí non si possa essere. Il CICAP promuove un'analisi CRITICA del paranormale ed invita quante più categorie di persone possibili a seguirlo in questa direzione.


Ora bisogna capire cosa intende il CICAP per analisi CRITICA, se si riferisce ad una critica costruttiva o ad una critica DISTRUTTIVA. 

Vedendo cosa dice all'inizio sul paranormale e le pseudoscienze, vedendo come considera chi ne parla e chi ci crede, e leggendo molte delle inchieste che il cicap ha indagato, viene da chiedersi se ci si potrá mai aspettare una collaborazione seria ed onesta col cicap nella ricerca sul paranormale; viene da chiedersi se bisogna vederlo come un nemico della ricerca o come un alleato; viene da chiedersi se è credibile o no, quanto ci si può fidare, e in che modo va considerato ogni volta che dice una cosa. 

Io la mia opinione ce l'ho, per me quando il cicap dice una cosa c'è un 50% di possibilità che sia vero l'esatto contrario. Non mi fido del CICAP e non mi fideró mai. La ritengo un'associazione faziosa PER SUA NATURA. Io non so se con questo post ho ingenuamente scoperto l'acqua calda, o se ho sollevato la curiosità di molti. Fatto sta che se fino ad oggi si diffidava dal cicap perché complottisti, adesso abbiamo le PROVE GIURIDICHE che il cicap è di parte. 


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.